Rivisitazione Oggetti

Nei capitoli dedicati ai tipi semplici e alle collezioni vedevamo per la prima volta alcuni degli oggetti del linguaggio Python: numeri, booleani, stringhe, liste, dizionari e tuple.
Ora che sappiamo cosa sono le classi, gli oggetti, le funzioni e i metodi è il momento di rivisitare questi oggetti per scoprire il suo vero potenziale.
Rivediamo alcuni metodi utili di questi oggetti. Ovviamente, non è necessario memorizzarli, ma almeno ricordare che ci sono nel caso di necessità.
Dizionari
			D.get(k[, d])
Cercare il valore della chiave k nel dizionario. Equivale a utilizzare D[k], ma con questo metodo possiamo specificare un valore predefinito da restituire se non si trova la chiave, mentre la sintassi D[k], in assenza della chiave genera un’eccezione.
			D.has_key(k)
Verifica se nel dizionario c’è la chiave k. La sintassi è equivalente a k in D.
			D.items()
Ritorna una lista di tuple con coppie chiave-valore.
			D.keys()
Ritorna una lista delle chiavi del dizionario.
			D.pop(k[, d])
Elimina la chiave k del dizionario e ritorna il suo valore. Se non trova la chiave viene restituito d sempre se è stato specificato altrimenti genera un’eccezione.
			D.values()
Ritorna una lista dei valori del dizionario.
Stringhe
			S.count(sub[, start[, end]])
Ritorna il numero di volte che trova sub nella stringa. I parametri opzionali start ed end indicano l’intervallo della stringa su cui fare la ricerca.
			S.find(sub[, start[, end]])
Ritorna il posizione in cui trova la prima volta sub nella stringa o -1 se non lo trova.
			S.join(sequence)
Ritorna una stringa risultante dalla concatenazione di stringhe della sequenza seq, separate dalla stringa su cui viene chiamato il metodo.
			S.partition(sep)
Cerca il separatore sep nella stringa e ritorna una tupla con la sottostringa fino al separatore, il separatore stesso e la sottostringa dal separatore alla fine della stringa. Se il separatore sep non viene trovato, la tupla conterrà la stringa stessa e due stringhe vuote.
			S.replace(old, new[, count])
Ritorna una stringa in cui sono state sostituite tutte le occorrenze della stringa old con la stringa new. Se il parametro count viene specificato, questo indica il numero massimo di occorrenze da sostituire.
			S.split([sep [,maxsplit]])
Ritorna una lista che contiene le sottostringhe divise dal delimitatore sep. Nel caso in cui non specificato sep, vengono utilizzati spazi. Se si specifica maxsplit, questo indica il numero massimo di partizioni da fare.
Liste
			L.append(object)
Aggiunge un oggetto in fondo alla lista.
			L.count(value)
Ritorna il numero di volte che trova value nella lista.
			L.extend(iterable)
Aggiunge gli elementi del iterable alla lista.
			L.index(value[, start[, stop]])
Ritorna la posizione in cui trova la prima occorrenza di value. Se vengono specificati start e stop, questi definiscono le posizioni d’inizio e di fine di una sottolista su cui cercare.
			L.insert(index, object)
Inserisce l’oggetto object nella posizione index.
			L.pop([index])
Ritorna il valore nella posizione index e lo rimuove dalla lista. Se la posizione non è specificata, si utilizza l’ultimo elemento della lista.
			L.remove(value)
Rimuove la prima occorrenza di value nella lista.
			L.reverse()
Inverte la lista. Questa funzione lavora nella lista reale da cui si chiama il metodo, non una copia.
			L.sort(cmp=None, key=None, reverse=False)
Ordina la lista. Se si specifica cmp, questa deve essere una funzione che prende come parametri due valori x e y della lista e ritorna -1 se x è minore di y, 0 se uguali e 1 se x è maggiore di y.
Il parametro reverse è un booleano che indica se si deve ordinare la lista in senso inverso, che sarebbe equivalente a chiamare prima L.sort() e poi L.reverse().
Infine, se si specifica il parametro key deve essere una funzione che prende un elemento dalla lista e restituisce una chiave da utilizzare durante il confronto, piuttosto che l’elemento stesso.


Similari
Overloading di metodi in Java
12% Java
Un metodo overload viene utilizzato per riutilizzare il nome di un metodo ma con argomenti diversi, opzionalmente con un differente tipo di ritorno. [expand title=”Regole per overload” startwrap=”” endwrap=”” excerpt=”⤽” s…
Modi di fare e di non fare in Python
11% Python
Questo documento può essere considerato un compagno del tutorial di Python. Viene illustrato come utilizzare Python, e quasi ancora più importante, come non usare Python. [expand title=”Costrutti del linguaggio che non dov…
redirect 301 usando mod_alias
9% Server
mod_alias è fondamentalmente la versione più semplice di mod_rewrite. Non può fare le cose che fa mod_rewrite, ad esempio modificare la stringa di query. Per eseguire reindirizzamenti nel server web Apache è possibile di u…
Installare Python e Django su Windows
8% Django
Quando ci riferiamo allo sviluppo web con Python, la prima cosa che viene in mente è usare un qualche framework. Il più famoso e utilizzato da tutti è il Django, ma non è l’unico. Ci sono Pylons, Grok, TurboGears e Zope: t…
Metodi magici e costanti predefinite in PHP
8% Php
PHP fornisce un insieme di costanti predefinite e metodi magici per i nostri programmi. A differenza delle normali costanti i quali si impostano con define(), il valore delle costanti predefinite o speciali dipendono da do…