Anche se molte persone non hanno mai sentito parlare, l’XHTML è davvero il futuro di Internet. È l’ultima generazione di HTML, venuta dopo la versione 4, che ha molte nuove caratteristiche che lo avvicinano, in qualche modo, all’XML. In questo post si spiega come l’XHTML è diverso dall’HTML e come è possibile aggiornare le pagine per supportarlo.

Ci sono diverse regole di codifica necessarie per l’XHTML che erano opzionali o addirittura non supportati in HTML4. Mentre l’HTML5 supporta entrambi i formati di codifica.

Alcune regole non necessarie per la best practice:
Usare le minuscole per la marcatura
In XHTML i tag degli elementi devono essere tutti in minuscolo, come devono essere tutti i nomi degli attributi. Anche se l’HTML5 supporta il CamelCase È la pratica di scrivere parole composte o frasi unendo tutte le parole tra loro, ma lasciando le loro iniziali in maiuscole. Il nome (letteralmente “carattere a cammello”) deriva dai “salti” all’interno di una parola, che fanno venire in mente le gobbe di un cammello. e tutto il resto, è sempre meglio utilizzare tutto il codice in minuscolo. Nulla c’è scritto nel W3C che indichi che i valori degli attributi devono essere scritte in minuscolo, ma in alcuni casi, come l’attributo id, sono case sensitive, quindi continuate con le minuscole.
Quotare tutti gli attributi
In XHTML, tutti i valori degli attributi devono essere racchiusi tra virgolette singole o doppie. In HTML5, solo i valori degli attributi con spazi o caratteri speciali devono essere racchiusi tra virgolette. Fare il codice leggibile, rende felice a tutti. Quota tutti gli attributi.
Chiudere tutti gli elementi
In XHTML, ogni tag di apertura deve avere un tag di chiusura. Gli elementi vuoti come <img /> e <br />devono avere una chiusura automatica. In HTML5 alcuni tag possono essere lasciate non chiuse. Mentre omettendo la barra finale o l’elemento di chiusura riduce il numero di caratteri di una pagina, consente anche un codice approssimativo. Su alcuni post di vari blog si consiglia di omettere lo slash e tag di chiusura per ridurre il numero di caratteri e rendere i file più piccoli per i cellulari. I pochi byte salvati non valgono il rischio, specialmente in elementi non vuoti. La riduzione del numero di elementi DOM avrà un impatto maggiore rispetto alla riduzione del numero di caratteri, in questo modo.
Nidificare tutti gli elementi
In XHTML, tutti i tag devono essere annidati correttamente: Se si crea una link con il tag <a> tag e si nidifica con un <strong>, è necessario chiudere prima il tag </strong> prima di chiudere il tag </a>. Tutti i tag devono essere nidificati correttamente che, tra l’altro, facilita l’individuazione di eventuali problemi di chiusura di altri elementi (vedi sopra).
Coerenza nel fornire i valori agli attributi
In XHTML, tutti gli attributi devono essere codificati come coppie attributo/valore, anche per i valori booleani. Il tag <option> predefinito di un <select> in XHTML dovrebbe essere scritto selected="selected". In HTML5, lo stesso può essere semplicemente codificato come selected. Fornire i valori per gli attributi booleani non è necessario, dal momento che anche la proprietà attributo consente un valore booleano vero, anche se il valore dell’attributo è falso nella maggior parte dei browser. Se si sceglie di includere o meno i valori booleani, bisogna essere coerente con la decisione in entrambi i casi. Se si includono i valori booleani, includeteli sempre; se si omettono, ometteteli sempre; anche se si include un attributo ="" per un valore booleano (o anche non-booleano). Includere il valore con le virgolette vuote possono avere conseguenze impreviste, soprattutto quando si tratta dell’attributo <form>.
Utilizzare elementi semanticamente corretti
In XHTML, gli elementi devono essere codificati in modo semantico. Le <table> e i <form> non possono essere inclusi in paragrafi <p>. Gli elementi del <form>, che contengono frasi, devono essere contenute all’interno di un elemento semantico a livello di blocco, ad esempio in un paragrafo di una <td> di una <table>. Se è possibile utilizzate <span> o <div> per contenere tutto quello ch’è sulla pagina; ma una intestazione è una intestazione, e per questo utilizzate i tag <h1-6>.
Similari
Google svela le sue linee guida
6% Best Practices
Mi piace la navigazione attraverso le linee guida. Di solito ci sono delle regole ovvie, quelle che sembrano bizzarre e ci sono anche quelle gemme nascoste che non avevano scoperto prima. Purtroppo, poche aziende hanno il …
Utilizzando il metodo data() di jQuery
5% JQuery
Ad un certo punto, tutti noi dobbiamo memorizzare qualche set di dati sul client. Possiamo memorizzare lo spazio dei nomi di variabili sempre in maggiore quantità evitando collisioni; possiamo memorizzare le variabili in q…
Sito web accessibile
5% Markup
Nelle amministrazioni pubbliche e nelle grandi aziende troveremo sempre con il requisito obbligatorio che le applicazioni o siti web che sviluppiamo devono essere “accessibili”. In questo post cercherò di spiegare cosa imp…
CSS consistente ed idiomatico
5% Css
Il seguente documento espone una ragionevole guida di stile per lo sviluppo in CSS. Esso non è inteso per essere un rigido regolamento e non voglio imporre le mie preferenze di stile sul codice degli altri. A parte tutto, …
Problemi con il BOM dell’UTF8
5% Php
Diventa un rompicapo, se si ha il BOM UTF8 all’inizio del file PHP, XML o javascript. Questi files devono inviare la loro intestazione prima di ogni altra cosa. A causa della posizione del BOM, che sono i primi bytes del f…